dolasilla copia

La leggenda di Dolasilla

Sulle Dolomiti molto tempo fa esisteva un regno, ormai scomparso, conosciuto con il nome di Fanes.
Questo regno raggiunse il suo massimo splendore grazie alle prodezze e al coraggio di Dolasilla, figlia del re dei Fanes che oltre ad essere molto bella, divenne anche un’invincibile guerriera.
Il padre, re del regno, era un uomo potente e molto avido. Scoprì l’oro nei dintorni di Canazei e per questo i nani protettori volevano imprigionarlo. Lui, però, rubò loro molti oggetti di valore e riuscì a farla franca.
Dolasilla, impaurita dall’ira dei nani, senza che il padre se ne accorgesse rese tutto e loro, in segno di gratitudine, le confezionarono una prodigiosa armatura che nessuna freccia o spada era in grado scalfire e forgiarono un arco di ineguagliabile potenza.
Le frecce, invece, erano state ricavate dal canneto del Lago d’Argento e quando venivano scagliate, andavano immancabilmente a colpire il bersaglio.
Completamente protetta dalla sua armatura Dolasilla affrontò il campo di battaglia sbaragliando il nemico.
Tutto il popolo dei Fanes si raccolse per festeggiare l’evento portando in trionfo Dolasilla fin sul monte Plan de Corones. Lì il re padre incoronò la figlia con la splendida Raietta, la gemma più preziosa delle Dolomiti e un lungo periodo di prosperità e fortuna accompagnò questo popolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>